Selvaggia Lucarelli Blog

Selvaggia Lucarelli Blog ti dà il benvenuto

Clamoroso: Milioni di follower di Selvaggia Lucarelli sono finti (fake/bot). Vedi chi c'è dietro.

Ma purtroppo le truffe della finta giornalista pluricondannata Selvaggia Lucarelli non finiscono qui: c'è molto di più. Infatti, questo blog nasce dall'inizia di un gruppo di truffati che si sono dovuti rivolgere alle forze dell'ordine per tutelarsi dagli abusi della Lucarelli.

Selvaggia Lucarelli si spaccia per giornalista all'insaputa dell'Ordine dei Giornalisti e si fa perfino pagare dalla RAI con denaro pubblico anche se non è vero niente: pertanto, è ormai universalmente indicata come "la non-giornalista" o "la finta giornalista".

Cosa ha fatto e chi è la finta giornalista Selvaggia Lucarelli: una vita di odio

La finta giornalista Selvaggia Lucarelli, che andava a baciare in bocca Fabrizio Corona come si vede nella foto qui sopra, lo accusa di sessismo, calunnie ecc. a colpi di denunce e processi in tribunale. Tuttavia, l'ex blogger di Civitavecchia non è certo nuova a queste sparate pubbliche; infatti, il vero problema è che lo fa con tutti e vive proprio di questo: attaccare, criticare, provocare chiunque con livore, odio, gelosia e invidia, a mezzo Internet, stampa, televisione e radio, specialmente prendendo di mira personaggi più importanti di lei — per dare nell'occhio e attirare l'attenzione — ma pure comuni cittadini, al fine di raggranellare qualche click/condivisione sui social network, o di ritagliarsi disperatamente un effimero pezzetto di celebrità virtuale e sentirsi come una "grande influencer". In pratica, adotta il metodo del «dico qualsiasi cosa contro chiunque, basta che in giro se ne parli», per cercare di farsi pubblicità. Il suo essere "contro" la appaga finché ritiene di stare sulla cresta dell'onda; quando l'effetto della gogna mediatica finisce, si scaglia contro altri che le capitano a tiro, e ricomincia da capo. Per sfogare online le sue frustrazioni, questa non-giornalista, che campa grazie al canone RAI assieme al compagno toy-boy, ha tentato la carriera da influencer, senza però riuscirci: tipico esempio di fenomeno da baraccone telematico.

Tra le varie perversioni telematiche della non-giornalista Selvaggia Lucarelli, troviamo anche l'accanimento contro disabili e malati che necessitano sostegno: si veda l'aggressione mediatica inscenata dalla non-giornalista nei confronti del ragazzo italiano che ha perso una gamba dopo il morso di uno squalo in Australia. Secondo la non-giornalista, il disabile sarebbe un truffatore del Servizio Sanitario Nazionale, e quindi nessuno può fare "raccolte fondi abusive", a suo modo di vedere finalizzate a truffare l'INPS, senza che la non-giornalista ne abbia preventivamente approvato lo scopo e la causale. Peccato solo che non sia mai esistita nessuna irregolarità, e che quindi la non-giornalista abbia (come al solito) inventato la questione per il solo gusto di raccattare qualche click, rovinando a vita il malcapitato di turno.

Con un comportamento di questo genere, la non-giornalista Selvaggia Lucarelli getta fango su una larga fascia di popolazione composta da persone che hanno bisogno di assistenza, malati, disabili, e l'intero terzo settore; il tutto per raggranellare qualche click/like.

Pertanto, siamo fermamente convinti che chi ha bisogno di essere ricoverata sia, invece, proprio Selvaggia Lucarelli. Ma non aspettate domani! Ricoveratela subito: è un caso urgente.

Aggiornamento gennaio 2024: abbiamo saputo che ieri sera una donna, madre di famiglia, si è suicidata dopo un'aggressione mediatica messa in piedi in maniera pretestuosa dalla finta giornalista Selvaggia Lucarelli e dal finto cuoco/chef Lorenzo Biagiarelli, che si sono accaniti senza pietà contro una sconosciuta cittadina fino ad indurla al suicidio. La notizia non ci ha affatto colti di sorpresa, perché è l'ennesima tragica conferma di quello che noi denunciamo da anni. Inoltre, tre anni fa avevamo creato una pagina intitolata Contatti SOS, rivolta proprio a chi stava pensando di suicidarsi a causa delle perversioni della non-giornalista. Con rammarico, dobbiamo riconoscere che avevamo previsto tutto! Ci sentiamo molto vicini a questa ennesima vittima, perché ci siamo passati anche noi.
Selvaggia Lucarelli, vergognati! www.youtube.com/watch?v=EaLScnHlPlc

Condividi su Facebook Condividi su X Condividi su WhatsApp Condividi su Telegram

Selvaggia Lucarelli: se la conosci la eviti

Purtroppo, molto spesso, mantenersi a debita distanza da Selvaggia Lucarelli non serve assolutamente a niente: anzi, infastidendosi nel sentirsi ignorata, prima o poi ricomincerà a tormentare i malcapitati bersagli delle sue elucubrazioni con il consueto accanimento. Non a caso, nel 2018 è stata anche denunciata per stalking: una donna denunciata per stalking… sarà l'unica in Italia, meriterebbe un premio solo per questo. Diamoglielo, così si sente importante: 🏆 Ovviamente ci sono pure altre decine di denunce per i motivi più vari, e quindi meriterebbe altri premi.

Tuttavia, si possono prendere delle contromisure per difendersi dalle sue fake news e dai suoi costanti attacchi gratuiti contro cittadini italiani di ogni provenienza, da Ragusa ad Aosta. L'importante è non abbassare mai la guardia e restare bene informati su come agisce, che è proprio lo scopo di questo sito. Come diceva una storica pubblicità progresso, declinata al femminile: se la conosci la eviti.

Selvaggia Lucarelli è semplicemente un'ex blogger di gossip trash di Civitavecchia

Selvaggia Lucarelli è un fenomeno indiscusso del trash italiano, ed è necessario fare chiarezza su alcuni aspetti che questa finta giornalista, che non è mai stata capace di superare l'Esame di Stato per l'abilitazione alla professione di giornalista, tende a celare o camuffare pubblicamente.

La spazzatura della finta giornalista Selvaggia Lucarelli, tuttavia, solleva questioni più ampie sulla natura del sedicente giornalismo dell'era digitale e sulla celebrità virtuale inseguita a tutti i costi. In un mondo dove la visibilità online ha più peso del talento o dell'integrità professionale, nullità come Selvaggia Lucarelli rappresentano un fenomeno emergente del trash. Pur essendo costantemente criticata da più parti, Selvaggia Lucarelli persiste nel proporsi sui social network con un personaggio da avanspettacolo che, seppur controverso, le garantisce un seguito tra le fasce di popolazione di scarso livello culturale in Italia — ma non all'estero, dove viene giustamente ignorata — e, soprattutto, le permette di farsi mantenere grazie al denaro pubblico del canone RAI.

Il problema viene percepito da molti, anche perché le sue continue sparate sui social network compaiono pure nelle pagine personali (bacheche o feed) di chi non la segue, non la conosce, e vorrebbe vivere una vita in santa pace senza avere niente a che fare con questa soggetta; oppure perché viene pagata dalla Rai con il denaro pubblico versato da tutti i cittadini nelle bollette dell'energia elettrica, incluso chi è bersaglio dei suoi sconclusionati e furiosi attacchi di rabbia e di invidia.

Fan di Selvaggia Lucarelli sui social network

Per evitare di farsi bloccare da Selvaggia Lucarelli, molti utenti dei social network hanno scelto la tattica di fingersi tifosi fanatici che la adorano come una divinità, e così riescono a iniziare una conversazione con la finta giornalista. Lei, tutta contenta, è davvero convinta che queste persone siano suoi tifosi, e quindi si abbandona a una raffica di post trash, monologhi ecc. in cui dà libero sfogo ai suoi deliri autocelebrativi, senza però accorgersi di trovarsi in un'enorme presa per il cu*o. Ovviamente, tutto ciò è un vero e proprio spasso per i finti tifosi della non-giornalista.

Cosa ha realizzato nella vita Selvaggia Lucarelli

Inizialmente Selvaggia Lucarelli voleva sfondare nel mondo del gossip, ma non ci è riuscita. Poi voleva diventare giornalista, ma non ci è riuscita. Successivamente voleva candidarsi alla Camera dei Deputati, ma non ci è riuscita. Come ripiego, si è messa in testa di sfondare come "influencer", e tanto per cambiare non ci è riuscita. In conclusione, è una povera fallita.

Condividi su Facebook Condividi su X Condividi su WhatsApp Condividi su Telegram