Le palettate di Selvaggia Lucarelli a Ballando con le stelle

Foto: Selvaggia Lucarelli va a baciare in bocca Fabrizio Corona.

Da qualche anno, la trasmissione di Rai1 Ballando con le stelle fa guadagnare la pagnotta a Selvaggia Lucarelli, chiamata, nell'improbabile ruolo di "giurata" ovvero "giudice", ad alzare palette per valutare esibizioni di danza e ballo, incluse quelle di insegnanti professionisti.

Selvaggia Lucarelli alza la paletta a Ballando con le stelle

Una palettata di Selvaggia Lucarelli a Ballando con le stelle, pagata con denaro pubblico.

Ma cosa ne sa, di danza e ballo, Selvaggia Lucarelli? Semplice: non ne sa nulla, non avendo alcuna competenza o qualifica in materia e non avendo mai praticato né danza né ballo.

Se tutto ciò avvenisse su un'emittente privata, si potrebbe liquidare la questione con un banale "Facessero quello che vogliono, in fin dei conti sono soldi loro". Ma trattandosi di RAI, la questione non è affatto banale, perché i soldi vengono sborsati dai cittadini italiani attraverso il fetido canone nella bolletta dell'energia elettrica. Canone che in pratica devono pagare tutti, compresi coloro che non ce la fanno ad arrivare a fine mese.

Il famigerato canone RAI che va a foraggiare Selvaggia Lucarelli

Nel 1938, in piena era fascista, viene promulgato il seguente Regio decreto:

Chiunque detenga uno o più apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni è obbligato al pagamento del canone di abbonamento, giusta le norme di cui al presente decreto.

Va ricordato che nel 1938 esisteva una sola emittente, assimilabile all'attuale Raiuno, e che la televisione era un apparecchio estremamente costoso che potevano permettersi in pochi (nobili, industriali ecc.). All'epoca, il canone televisivo era quindi una sorta di "tassa su un bene di lusso" che non colpiva la stragrande maggioranza degli italiani. Tuttavia, a partire dagli anni '50 — e soprattutto negli anni '60 — la televisione diventa un elettrodomestico destinato alle masse, e il Regio decreto del 1938 perde il senso di tassa sul lusso, proprio perché la televisione non è più un bene di lusso. Ciononostante, tutti i principali partiti di maggioranza e d'opposizione, affamati di denaro e intenti a lottizzare il carrozzone di viale Mazzini, decidono di mantenere in vita il Regio decreto fascista. Il colpo di grazia arriva sia con una sentenza della Corte costituzionale del 2002, il cui si afferma che il canone RAI è "un'imposta", sia con una sentenza del 2008 della Corte di cassazione, che sancisce l'obbligo di pagare il canone perfino quando l'utente è impossibilitato a usufruire del servizio radiotelevisivo pubblico — per esempio perché non è raggiunto dal segnale, il che è a dir poco pazzesco. Infine, nel 2016, l'allora Presidente del Consiglio e segretario del PD Matteo Renzi inserisce il canone RAI nella bolletta dell'energia elettrica: la vicenda è tuttora al vaglio della Commissione europea, poiché nessuno riesce a capire cosa c'entri la RAI con la bolletta della luce, e quindi l'operazione potrebbe essere illegale.

In tutto questo agghiacciante contesto, chi festeggia è Selvaggia Lucarelli, la quale trascorre qualche ora a settimana ad alzare palette a Ballando con le stelle, e in cambio riceve soldi dagli ignari proprietari di qualsiasi impianto elettrico funzionante in Italia.

Lo scandalo: Selvaggia Lucarelli pagata dalla RAI con denaro pubblico a Ballando con le stelle

Pertanto è inevitabile chiedersi: è giusto pagare un personaggio come Selvaggia Lucarelli con soldi pubblici, per alzare palette a casaccio su Rai1? È accettabile che la RAI non voglia trovare nessuno che sappia qualcosa in più della Lucarelli (zero assoluto) in materia di danza e ballo? È questo il genere di servizio pubblico che ci si aspetta da un'emittente dello Stato, pagata con le bollette di disoccupati che cercano un lavoro, anziani, persone in difficoltà, malati ecc.? E perché bisognerebbe mantenere alla RAI, tramite inutili comparsate, pure il presunto compagno di Selvaggia Lucarelli, vale a dire tale Lorenzo Biagiarelli?

Nel format originale Dancing with the Stars, dell'emittente privata americana ABC, non è prevista la presenza di personaggi come Selvaggia Lucarelli. Perché, invece, in Italia ci si ostina a incentivare con denaro pubblico la televisione trash? È indiscutibilmente vergognoso. Basta con questo scempio!

Selvaggia Lucarelli in collegamento con Luca e Paolo da Ballando con le stelle

Tele-risse con Morgan, Mietta, Federico Fashion Style, Alba Parietti, Raoul Bova, Giovanni Ciacci, Alessandra Mussolini, Platinette, Raimondo Todaro, Asia Argento, Christian De Sica, Salvo Sottile, Roberta Bruzzone ecc. Pensavate di avere già visto tutto, e che il trash avesse toccato il fondo? Eh no 😉 Ecco un video da non perdere, assolutamente consigliato:

"Ho fatto 'na scola de dizzione a Ariccia!"
"Perché alzi sempre la paletta del 2️⃣?" "Perché vor di' du ⚾⚾!"
"De ballo me 'mporta quanto a Spadafora je 'mporta de gnocca!"